La pronuncia Inglese che stress!

Nel 1922 Gerard Nolst Trenité ha scritto The Chaos, un poema per evidenziare circa 800 parole irregolari nella pronuncia e compitazione della lingua inglese.

Gerard Nolst Trenité

Chi era questo poeta? Nacque il 20 luglio 1870 a Utrecht e morì il 9 ottobre 1946 a Haarlem. Studioso danese della lingua inglese, ha pubblicato sotto pseudonimo con il nome di Charivarius .

Potete trovare approfondimenti cliccando qui

Chi di voi riesce a leggere questo poema senza fare errori? Chi non volesse faticare può cliccare su questo link per scaricarsi la versione con la parte fonetica, altrimenti ascoltare direttamente su you tube la pronuncia.

Dearest creature in creation
Studying English pronunciation,
   I will teach you in my verse
   Sounds like corpsecorpshorse and worse.

I will keep you, Susybusy,
Make your head with heat grow dizzy;
   Tear in eye, your dress you’ll tear;
   Queer, fair seerhear my prayer.

Pray, console your loving poet,
Make my coat look new, dear, sew it!
   Just compare hearthear and heard,
   Dies and dietlord and word.

Sword and swardretain and Britain
(Mind the latter how it’s written).
   Made has not the sound of bade,
   Saysaidpaypaidlaid but plaid.

Now I surely will not plague you
With such words as vague and ague,
   But be careful how you speak,
   Say: gush, bush, steak, streak, break, bleak ,

Previous, precious, fuchsia, via
Recipe, pipe, studding-sail, choir;
   Wovenovenhow and low,
   Scriptreceiptshoepoemtoe.

Say, expecting fraud and trickery:
Daughterlaughter and Terpsichore,
   Branch, ranch, measlestopsailsaisles,
   Missilessimilesreviles.

Whollyhollysignalsigning,
Sameexamining, but mining,
   Scholarvicar, and cigar,
   Solarmicawar and far.

From “desire”: desirableadmirable from “admire”,
Lumberplumberbier, but brier,
   Topshambroughamrenown, but known,
   Knowledgedonelonegonenonetone,

OneanemoneBalmoral,
Kitchenlichenlaundrylaurel.
   GertrudeGermanwind and wind,
   Beau, kind, kindred, queuemankind,

Tortoiseturquoisechamois-leather,
Reading, Readingheathenheather.
   This phonetic labyrinth
   Gives mossgrossbrookbroochninthplinth.

Have you ever yet endeavoured
To pronounce revered and severed,
   Demon, lemon, ghoul, foul, soul,
   Peter, petrol and patrol?

Billet does not end like ballet;
Bouquetwalletmalletchalet.
   Blood and flood are not like food,
   Nor is mould like should and would.

Banquet is not nearly parquet,
Which exactly rhymes with khaki.
   Discountviscountload and broad,
   Toward, to forward, to reward,

Ricocheted and crochetingcroquet?
Right! Your pronunciation’s OK.
   Roundedwoundedgrieve and sieve,
   Friend and fiendalive and live.

Is your r correct in higher?
Keats asserts it rhymes Thalia.
   Hugh, but hug, and hood, but hoot,
   Buoyantminute, but minute.

Say abscission with precision,
Now: position and transition;
   Would it tally with my rhyme
   If I mentioned paradigm?

Twopence, threepence, tease are easy,
But cease, crease, grease and greasy?
   Cornice, nice, valise, revise,
   Rabies, but lullabies.

Of such puzzling words as nauseous,
Rhyming well with cautious, tortious,
   You’ll envelop lists, I hope,
   In a linen envelope.

Would you like some more? You’ll have it!
Affidavit, David, davit.
   To abjure, to perjureSheik
   Does not sound like Czech but ache.

Libertylibraryheave and heaven,
Rachellochmoustacheeleven.
   We say hallowed, but allowed,
   Peopleleopardtowed but vowed.

Mark the difference, moreover,
Between moverploverDover.
   Leechesbreecheswiseprecise,
   Chalice, but police and lice,

Camelconstableunstable,
Principledisciplelabel.
   Petalpenal, and canal,
   Waitsurmiseplaitpromisepal,

SuitsuiteruinCircuitconduit
Rhyme with “shirk it” and “beyond it”,
   But it is not hard to tell
   Why it’s pallmall, but Pall Mall.

Musclemusculargaoliron,
Timberclimberbullionlion,
   Worm and stormchaisechaoschair,
   Senatorspectatormayor,

Ivyprivyfamousclamour
Has the a of drachm and hammer.
   Pussyhussy and possess,
   Desert, but desertaddress.

Golfwolfcountenancelieutenants
Hoist in lieu of flags left pennants.
   Courier, courtier, tombbombcomb,
   Cow, but Cowper, some and home.

Solder, soldier! Blood is thicker“,
Quoth he, “than liqueur or liquor“,
   Making, it is sad but true,
   In bravado, much ado.

Stranger does not rhyme with anger,
Neither does devour with clangour.
   Pilot, pivot, gaunt, but aunt,
   Fontfrontwontwantgrand and grant.

Arsenic, specific, scenic,
Relic, rhetoric, hygienic.
   Gooseberry, goose, and close, but close,
   Paradise, rise, rose, and dose.

Say inveigh, neigh, but inveigle,
Make the latter rhyme with eagle.
   MindMeandering but mean,
   Valentine and magazine.

And I bet you, dear, a penny,
You say mani-(fold) like many,
   Which is wrong. Say rapier, pier,
   Tier (one who ties), but tier.

Arch, archangel; pray, does erring
Rhyme with herring or with stirring?
   Prison, bison, treasure trove,
   Treason, hover, cover, cove,

Perseverance, severanceRibald
Rhymes (but piebald doesn’t) with nibbled.
   Phaeton, paean, gnat, ghat, gnaw,
   Lien, psychic, shone, bone, pshaw.

Don’t be down, my own, but rough it,
And distinguish buffetbuffet;
   Brood, stood, roof, rook, school, wool, boon,
   Worcester, Boleyn, to impugn.

Say in sounds correct and sterling
Hearse, hear, hearken, year and yearling.
   Evil, devil, mezzotint,
   Mind the z! (A gentle hint.)

Now you need not pay attention
To such sounds as I don’t mention,
   Sounds like pores, pause, pours and paws,
   Rhyming with the pronoun yours;

Nor are proper names included,
Though I often heard, as you did,
   Funny rhymes to unicorn,
   Yes, you know them, Vaughan and Strachan.

No, my maiden, coy and comely,
I don’t want to speak of Cholmondeley.
   No. Yet Froude compared with proud
   Is no better than McLeod.

But mind trivial and vial,
Tripod, menial, denial,
   Troll and trolleyrealm and ream,
   Schedule, mischief, schism, and scheme.

Argil, gill, Argyll, gill. Surely
May be made to rhyme with Raleigh,
   But you’re not supposed to say
   Piquet rhymes with sobriquet.

Had this invalid invalid
Worthless documents? How pallid,
   How uncouth he, couchant, looked,
   When for Portsmouth I had booked!

Zeus, Thebes, Thales, Aphrodite,
Paramour, enamoured, flighty,
   Episodes, antipodes,
   Acquiesce, and obsequies.

Please don’t monkey with the geyser,
Don’t peel ‘taters with my razor,
   Rather say in accents pure:
   Nature, stature and mature.

Pious, impious, limb, climb, glumly,
Worsted, worsted, crumbly, dumbly,
   Conquer, conquest, vase, phase, fan,
   Wan, sedan and artisan.

The th will surely trouble you
More than rch or w.
   Say then these phonetic gems:
   Thomas, thyme, Theresa, Thames.

Thompson, Chatham, Waltham, Streatham,
There are more but I forget ‘em
   Wait! I’ve got it: Anthony,
   Lighten your anxiety.

The archaic word albeit
Does not rhyme with eight-you see it;
   With and forthwith, one has voice,
   One has not, you make your choice.

Shoes, goes, does *. Now first say: finger;
Then say: singer, ginger, linger.
   Realzealmauve, gauze and gauge,
   Marriagefoliagemirageage,

Hero, heron, query, very,
Parry, tarry fury, bury,
   Dostlostpost, and dothclothloth,
   JobJobblossombosomoath.

Faugh, oppugnant, keen oppugners,
Bowingbowing, banjo-tuners
   Holm you know, but noes, canoes,
   Puisnetruismuse, to use?

Though the difference seems little,
We say actual, but victual,
   SeatsweatchastecasteLeigheightheight,
   Putnutgranite, and unite.

Reefer does not rhyme with deafer,
Feoffer does, and zephyrheifer.
   DullbullGeoffreyGeorgeatelate,
   Hintpintsenate, but sedate.

GaelicArabicpacific,
Scienceconsciencescientific;
   Tour, but our, dour, succourfour,
   Gasalas, and Arkansas.

Say manoeuvre, yacht and vomit,
Next omit, which differs from it
   Bona fide, alibi
   Gyrate, dowry and awry.

Seaideaguineaarea,
PsalmMaria, but malaria.
   Youthsouthsoutherncleanse and clean,
   Doctrineturpentinemarine.

Compare alien with Italian,
Dandelion with battalion,
   Rally with allyyeaye,
   EyeIayayewheykeyquay!

Say aver, but everfever,
Neitherleisureskeinreceiver.
   Never guess-it is not safe,
   We say calvesvalveshalf, but Ralf.

Starry, granarycanary,
Crevice, but device, and eyrie,
   Face, but preface, then grimace,
   Phlegmphlegmaticassglassbass.

Basslargetargetgingiveverging,
Oughtoust, joust, and scour, but scourging;
   Ear, but earn; and ere and tear
   Do not rhyme with here but heir.

Mind the o of off and often
Which may be pronounced as orphan,
   With the sound of saw and sauce;
   Also soft, lost, cloth and cross.

Pudding, puddle, puttingPutting?
Yes: at golf it rhymes with shutting.
   Respite, spite, consent, resent.
   Liable, but Parliament.

Seven is right, but so is even,
HyphenroughennephewStephen,
   Monkeydonkeyclerk and jerk,
   Aspgraspwaspdemesnecorkwork.

A of valour, vapid vapour,
S of news (compare newspaper),
   G of gibbet, gibbon, gist,
   I of antichrist and grist,

Differ like diverse and divers,
Rivers, strivers, shivers, fivers.
   Once, but nonce, toll, doll, but roll,
   Polish, Polish, poll and poll.

Pronunciation-think of Psyche!-
Is a paling, stout and spiky.
   Won’t it make you lose your wits
   Writing groats and saying “grits”?

It’s a dark abyss or tunnel
Strewn with stones like rowlockgunwale,
   Islington, and Isle of Wight,
   Housewifeverdict and indict.

Don’t you think so, reader, rather,
Saying latherbatherfather?
   Finally, which rhymes with enough,
   Thoughthroughboughcoughhoughsough, tough??

Hiccough has the sound of sup

Una libreria di specchi

Questa libreria così speciale si trova in Cina e precisamente a questo indirizzo: Shop 101 Building 4, Star Avenue, Binjiang District, Hangzhou. Il suo nome è Zhongshuge ed ha aperto ad aprile del 2016. Essa è situata nel quartiere del Binjiang, vicino al fiume Qiantang che attraversa la città di Hangzhou. Chi ha progettato questa spettacolare libreria […]

via Una libreria quasi totalmente di specchi. — Luca Cozzi

Breve storia del libro

Il termine libro deriva dal latino liber. Si trattava della pellicola che si trova fra la corteccia dell’albero e il legno dell’albero che debitamente trattato veniva utilizzato come foglio dove disegnare o scrivere.

struttura-tronco

Il papiro, che cresceva spontaneo nell’antico Egitto (unico produttore ed esportatore) alto fino a cinque metri, veniva utilizzato per creare dei “fogli” dove scrivere. Si ottenevano scortecciandoli e tagliando il midollo del fusto della pianta in parti sottili, che venivano distese una vicino all’altra su due strati, poi pressate cosicché il succo facesse da legante, quindi fatti seccare e levigare. Questi rotoli arrivavano fino a dodici metri di lunghezza. Essi venivano avvolti attorno a un piccolo cilindro che poteva essere di legno, di osso o di avorio; avevano due estremità sporgenti di avorio, di oro o di argento a seconda dell’importanza dell’opera.

papiro

In seguito arrivò la pergamena (detta anche cartapecora o carta pecudina) che proveniva dalla lavorazione delle pelli di capra, di pecora, di vitello, di antilopi o di serpenti. Il suo nome proviene da Pergamo, nel II secolo a. C., sotto gli Attalidi, anche se si dice che tale notizia debba essere presa con riserva. Una delle spiegazioni sull’utilizzo della pergamena è a causa dell’assedio di Alessandria da parte del re siriaco Antioco Epifane e, quindi, al blocco delle esportazioni di papiro per ragioni di guerra. La pergamena veniva macerata nella calce, raschiata, messa in tensione e dopo fatta seccare. Un suo vantaggio era che vi si poteva scrivere su entrambi i lati. La sua forma era una lunga striscia arrotolata, come il libro di papiro, a un bastoncino detto umbilicus.

pergamena6

Il codex (con questo nome veniva indicata la tavoletta di legno cerata sulla quale scrivevano) ha soppiantato in poco tempo il rotolo e intorno al III – IV secolo a. C. prese la forma di un libro manoscritto. Era preferito il codex, perché riusciva a contenere una quantità di testo superiore di almeno sei volte rispetto a quella del volumen (fogli arrotolati oppure legati uno di seguito all’altro), perché era scritto fronte e retro. Si dice, comunque, che la ragione di tale cambiamento fosse religiosa: il codex rappresenta la cristianità, mentre il volumen rappresenta la paganità.

Codex_Gigas
Codex Gigas – il più grande manoscritto dell’epoca medievale

La carta venne “scoperta” in Cina nel II secolo d. C.. Nel 751 d. C. gli arabi riuscirono ad apprenderne le tecniche grazie a due soldati cinesi che furono fatti prigionieri. A seguito di questa strabiliante scoperta aprirono delle cartiere a Baghdad e Il Cairo. Il primo documento che attesta l’arrivo della carta in Europa e precisamente in Spagna è del 1056 dove si evince che la prima cartiera europea fu fondata a Xativa. In Italia arrivò fra il X e l’XI secolo, precisamente in Sicilia.

carta

La rivoluzione della riproduzione dei libri fu inventata a metà del secolo XV da Johannes Gutenberg. L’idea è stata di utilizzare un torchio con forme tipografiche sulle quali erano disposte delle combinazioni di singoli caratteri che andavano a formare il testo. In Italia furono Konrad Schweinheim e Arnold Pannartz che portarono nel 1465 a Subiaco il primo macchinario.

Haus_Gutenberg

Le due più importanti biblioteche dell’antichità erano:

  • Alessandria d’Egitto: si trovavano circa 700.000 volumi andati distrutti nel 47 a. C. quando Giulio Cesare entrò in Alessandria e diede fuoco alla flotta egizia e fu distrutta anche la biblioteca.
  • Pergamo (Asia Minore): si trovavano circa 200.000 papiri. I bibliotecari di Pergamo ebbero l’idea di tagliare i papiri, rilegarli e così creare gli attuali libri.

 

Curiosità:

  • Si usava la sticometria per calcolare la lunghezza delle opere e stabilirne il compenso allo scriba.
  • La conservazione dei papiri avveniva in scatole di forma cilindrica denominate capsae (singolare capsa).
  • Fabriano, grazie alle sue magnifiche innovazioni, si garantì il monopolio della carta a livello europeo fino al XIV secolo.
  • La prima norma sul Copyright entrò in vigore il 10 aprile 1710 in Inghilterra, chiamato Statuto di Anna.
  • L’inchiostro ( dal latino encaustum) veniva diffusamente preparato con una soluzione di noce di galla (o cecidio), gomma e nerofumo.

Manoscritto Voynich un’opera sorprendente

manoscritto-voynich_000176

È una vera sorpresa aver scoperto dell’esistenza di questa opera. Un misterioso manoscritto che nessuno è riuscito ancora a decifrare e con immagini a dir poco pazzesche. Sembrerebbe che sia stato scritto fra il 1404 ed il 1438, per capirlo hanno utilizzato la datazione al carbonio. L’autore è sconosciuto ed è riuscito a passare per le mani di numerosi personaggi: medici, alchimisti, eruditi gesuiti, imperatori, eccetera. Come ho anticipato all’inizio di questo articolo, la particolarità di questo libro è che è stato scritto in una lingua che non è stata tutt’oggi ancora decifrata, con tantissime illustrazioni raffiguranti piante, bulbi sconosciuti; costellazioni e zodiaci; donne nude in enormi vasche.

Il nome, Voynich, gli è stato dato dal mermanoscritto-voynich_000153cante di libri rari inglese con origini polacche Wilfrid Voynich, che lo acquistò dal collegio gesuita di Villa Mondragone che si trova in Italia in un paese vicino a Frascati. Il manoscritto è costituito da 201 pagine  con un formato molto originale per l’epoca: invece di essere un librone enorme, la sua grandezza è di 16 x 22. Si divide in quattro parti: Botanica (piante e fiori di speci non conosciute che si pensa siano state create mettendo insieme parti di piante diverse), Astrologica o Astronomica (zodiaci e costellazioni), Biologica  (figure di donne nude che sembrano incinte immerse in vasche comunicanti) e Farmacologica (vi sono dei vegetali e anche ampolle e fiale). Vi è anche una sezione centrale ripiegata 6 volte, dove vi sono figure a forma di stella, tubi e altre forme rotonde che potevano sembrare telescopi

L’edizione più costosa e quella della casa editrice Siloé di Burgos in Spagna. ne vengono stampate 898 copie con carta trattata così da somigliare a quella di capretto dell’originale e costeranno sugli 8mila euro. Per chi volesse spendere meno… si può scaricare dal sito della Biblioteca Beinecke della Yale University.

Leggere fa bene al cervello

gatto-che-legge.1

Visto che leggere fa bene al cervello, lo dicono anche gli scienziati, come mai in Italia si legge così poco? È più semplice guardare una telenovela in televisione che utilizzare la propria fantasia leggendo un libro?

Continua a leggere Leggere fa bene al cervello

Che cos’è l’ISBN

L’International Standard Book Number è un numero che identifica a livello internazionale in modo univoco e duraturo un titolo o una edizione di un titolo di un determinato editore.
Oltre a identificare il libro, si attribuisce a tutti quei prodotti creati per essere utilizzati come libro.

Possono richiederlo: le case editrici e tutti quegli enti/fondazioni pubblici o privati che hanno una produzione editoriale e autori che intendono auto pubblicare le proprie opere (authorpublishing).

L’ISBN – a partire dal 1° gennaio 2007 – è formato da un codice di 13 cifre, suddivise in 5 parti dai trattini di divisione

A partire da un codice ISBN si può generare il codice a barre a esso collegato. Viene attribuito come il codice ISBN e utilizzato per la lettura ottica.

A partire da un codice ISBN si può generare l’ISBN-A corrispondente. L’ISBN-A consente di sfruttare al meglio l’ISBN come strumento di marketing in Internet.

Il codice ISBN – International Standard Book Number – è un numero che identifica a livello internazionale in modo univoco e duraturo un titolo o un’edizione di un titolo di un determinato editore.

AIE è titolare dell’agenzia ISBN per l’area linguistica italiana -inclusi Svizzera italiana, Città del Vaticano, Repubblica di San Marino- attraverso EDISER, la sua società di servizi.

L’Agenzia tiene un registro di tutti gli ISBN assegnati e fornisce agli editori servizi online tra cui:

  • il prefisso editore
  • i numeri da attribuire ai singoli titoli
  • i relativi numeri di controllo
  • la gestione bibliografica on line dei titoli
  • il codice a barre
  • l’ISBN-A

Recensione: Io uccido – Giorgio Faletti

coverHo appena finito di leggere “Io uccido” di Giorgio Faletti. È il primo libro scritto dall’autore scomparso nel 2014. Un thriller dove il protagonista è Frank Ottobre, un agente dell’FBI temporaneamente in congedo, dopo la morte della moglie. Per evitare di pensare a questo dolore si reca nel Principato di Monaco per andare a trovare un suo amico Nicolas Hulot, commissario, con il quale inizierà un’indagine molto complicata. Durante una trasmissione notturna un Dj di Radio Montecarlo riceve una chiamata molto particolare, infatti uno sconosciuto gli rivelerà di essere un assassino. Il caso viene archiviato, ma il giorno dopo un pilota di Formula Uno e la sua compagna vengono trovati morti e orrendamente mutilati.

È un thriller coinvolgente, pieno di colpi di scena e con un finale per niente banale. Adatto per un lettore ‘onnivoro’. Per gli appassionati di thriller potrebbe essere un dejà vu. La scrittura è semplice, a tratti si dilunga su passaggi che non avrebbero bisogno di essere descritti.