Manoscritto Voynich un’opera sorprendente

manoscritto-voynich_000176

È una vera sorpresa aver scoperto dell’esistenza di questa opera. Un misterioso manoscritto che nessuno è riuscito ancora a decifrare e con immagini a dir poco pazzesche. Sembrerebbe che sia stato scritto fra il 1404 ed il 1438, per capirlo hanno utilizzato la datazione al carbonio. L’autore è sconosciuto ed è riuscito a passare per le mani di numerosi personaggi: medici, alchimisti, eruditi gesuiti, imperatori, eccetera. Come ho anticipato all’inizio di questo articolo, la particolarità di questo libro è che è stato scritto in una lingua che non è stata tutt’oggi ancora decifrata, con tantissime illustrazioni raffiguranti piante, bulbi sconosciuti; costellazioni e zodiaci; donne nude in enormi vasche.

Il nome, Voynich, gli è stato dato dal mermanoscritto-voynich_000153cante di libri rari inglese con origini polacche Wilfrid Voynich, che lo acquistò dal collegio gesuita di Villa Mondragone che si trova in Italia in un paese vicino a Frascati. Il manoscritto è costituito da 201 pagine  con un formato molto originale per l’epoca: invece di essere un librone enorme, la sua grandezza è di 16 x 22. Si divide in quattro parti: Botanica (piante e fiori di speci non conosciute che si pensa siano state create mettendo insieme parti di piante diverse), Astrologica o Astronomica (zodiaci e costellazioni), Biologica  (figure di donne nude che sembrano incinte immerse in vasche comunicanti) e Farmacologica (vi sono dei vegetali e anche ampolle e fiale). Vi è anche una sezione centrale ripiegata 6 volte, dove vi sono figure a forma di stella, tubi e altre forme rotonde che potevano sembrare telescopi

L’edizione più costosa e quella della casa editrice Siloé di Burgos in Spagna. ne vengono stampate 898 copie con carta trattata così da somigliare a quella di capretto dell’originale e costeranno sugli 8mila euro. Per chi volesse spendere meno… si può scaricare dal sito della Biblioteca Beinecke della Yale University.

Annunci

La Favola di Natale – Guareschi

BUON NATALE A TUTTI !

Era il babbo, che era fuggito dal suo triste recinto e ora camminava in fretta verso la sua casa. E il bambino, e la nonna e il papà si incontravano a metà strada nel bosco dove, la notte di Natale, si incontrano creature e sogni di due mondi nemici.
                                                                                                 G. Guareschi
Guareschi, quando l’Italia firmò l’armistizio con le truppe Alleate, rifiutò di passare alla Repubblica di Salò e al Reich. Fu arrestato e inviato nei campi di prigionia in Polonia e poi in Germania con altri soldati italiani.

In seguito descrisse questo periodo in Diario clandestino.

Recluso a Sandbostel, nello Stalag X B, durante l’inverno del 1944 compose La Favola di Natale.

Fu scritta per ravvivare il Natale dei suoi compagni prigionieri, La favola di Natale. Essa è ispirata da tre Muse: Freddo, Fame e Nostalgia.

In questo modo nasce la storia di Albertino, della nonna, del papà prigioniero, e delle piccole creature – buone o cattive – che vivono e parlano in un bosco fantastico. Ed è anche la storia di quegli uomini, affamati e infreddoliti, che l’ascoltarono in una baracca del Lager tedesco, e che proprio grazie alle parole di Guareschi riuscirono a mantenere viva la speranza del ritorno.

Isabel Allende

spiriti_emons_01

È lei una delle mie preferite.

Per chi non la conoscesse, cosa molto difficile, ma possibile, vi scrivo una breve biografia.

È nata a Lima nel 1942 e ha vissuto in Cile fino al 1973 lavorando come giornalista. Dopo il golpe di Pinochet si è stabilita in Venezuela e successivamente negli Stati Uniti. I suoi libri (non li elenco tutti perché non basterebbero tutte le pagine del blog) ‘La casa degli spiriti’, ‘D’amore e d’ombra’, ‘Eva Luna’, ‘Paula’, ‘La figlia della fortuna’, ‘Inés dell’anima mia’, eccetera.

Già leggendo la sintesi della sua biografia si può notare che è vissuta in un periodo veramente importante, dove i cambiamenti politici erano decisivi per la vita o la morte di qualcuno.

Continua a leggere Isabel Allende